In Allergie, Allergologia, Immunoblot

Non tutte le allergie sono uguali. Durante la giornata di sensibilizzazione delle allergie alimentari, il 21 giugno, avremo a che fare con le allergie alimentari nei bambini e mostreremo cosa è effettivamente importante per una corretta diagnosi.

Un’allergia alimentare, può causare in un bambino eruzioni cutanee, prurito, starnuti, tosse, asma, nausea o dolori allo stomaco dopo l’ingestione. Le allergie alimentari nei bambini sono molto diffuse: si stima che circa il 4-6% dei bambini è colpito; negli adulti solo circa il 2-3%. La ragione di questo è che nei bambini il tratto digerente non è completamente sviluppato e pertanto non può digerire alcune proteine contenute negli alimenti. Le allergie possono svilupparsi in età precoce, ma sono più comuni nei bambini di età compresa tra due e tre anni. In tre quarti dei casi, l’allergia scompare da sola durante l’età scolastica. Tuttavia, fino ad allora, è estremamente importante evitare di assumere l’alimento che causa la reazione allergica.

Il prerequisito è ovviamente quello di identificare l’alimento a cui bambino è allergico. In genere, gli alimenti che generano un’allergia nei bambini sono diversi da quelli degli adulti:

 

Allergeni comuni nei neonati: Latte di mucca, uova, soia
Allergeni comuni nei bambini: Latte di mucca, uova, soia, noci, pesce, cereali
Allergeni comuni negli adulti: Verdure, frutta, spezie, noci, pesce, latte vaccine

I bambini in genere devono sottoporsi a vari test fino a quando non viene trovato il fattore scatenante. La diagnosi di allergia comprende infatti diversi passaggi:

1 Storia medica: durante la visita, il dottore raccoglierà informazioni sulla storia medica, sui possibili trigger e sulla gravità dei sintomi. L’analisi della storia medica dei bambini può essere difficile perché non sono ancora in grado di indicare correttamente i propri sintomi.

2 Prick test: questo test, durante il quale diversi allergeni vengono applicati sulla pelle ed una lancetta viene utilizzata per pungere lo strato dermico superiore, è una componente di base per la diagnosi di allergie nei bambini di età superiore ai 6 anni e negli adulti. Questo test viene raramente eseguito nei bambini piccoli perché le aree della pelle disponibili non sono abbastanza grandi e la procedura può essere stressante per il piccolo. Inoltre, in alcuni casi, non è possibile eseguire questo tipo di test a causa della neurodermatite.

3 Esami del sangue: il passaggio finale comprende l’analisi del sangue per la ricerca di anticorpi IgE. La presenza nel sangue di anticorpi IgE specifici, indica che il sistema immunitario reagisce a specifici allergeni. Tuttavia, nei bambini è spesso difficile raccogliere grandi quantità di sangue per eseguire questo tipo di test. Una soluzione può essere l’utilizzo del kit RIDA qLine® che richiede una minima quantità di sangue. Con un solo pannello, si può eseguire lo screening fino a 20 allergeni, mentre esiste un pannello specifico per le allergie più frequenti nei bambini.

Infine, è importante sottolineare che oltre alle normali allergie alimentari (allergie di tipo I) vi sono anche allergie alimentari ritardate (allergie di tipo III). In questo caso i sintomi appaiono talvolta anche dopo diverse ore o addirittura giorni dall’assunzione, il che rende difficile identificare la relazione con un alimento specifico. Inoltre, bisogna fare una differenziazione tra allergie e intolleranze alimentari. Il sistema immunitario non ha nulla a che vedere con un’intolleranza – quindi, per la diagnosi sono necessari test che differiscono da quelli per le allergie “genuine”.

Hai ulteriori domande sulla diagnosi delle allergie alimentari? Saremo lieti di aiutarti!

Recent posts

Start typing and press Enter to search